Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Scritto il 13 Gen 2015 su Comunicati Stampa, Dal territorio, News | 0 commenti

Pd San Gimignano: “Il Bilancio preventivo 2015 mette in sicurezza la città”

Pd San Gimignano: “Il Bilancio preventivo 2015 mette in sicurezza la città”

“Un bilancio sano e che mette in sicurezza San Gimignano”. E’ questo il commento del segretario comunale del Partito Democratico di San Gimignano Davide Cipullo, dopo l’approvazione da parte del consiglio comunale del bilancio di previsione 2015, con il voto favorevole della coalizione di centrosinistra, e i contrari di Cinquestelle e lista civica. “Nonostante un quadro finanziario sempre più incerto anche per comuni virtuosi come il nostro – prosegue Davide Cipullo – l’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Giacomo Bassi è riuscita a produrre un bilancio sano e che mette in sicurezza la città e i suoi cittadini, peraltro riuscendo a mantenere l’impegno, come sana amministrazione vuole, di approvarlo entro la fine dell’anno precedente per evitare all’ente la scure dell’esercizio provvisorio”.

“Questo bilancio, dal nostro punto di vista –continua Cipullo – rappresenta un passaggio di grande importanza. Si tratta del primo atto di prospettiva della nuova amministrazione comunale dopo le elezioni e che apre un 2015 fatto di novità importanti e grandi scelte per la città, a partire dal lavoro sul nuovo villaggio scolastico e la fase di stesura del prossimo regolamento urbanistico”.

“Come ci siamo impegnati a fare per ogni grande scelta – conclude Cipullo – abbiamo trascorso una parte del mese di dicembre ad incontrare la cittadinanza per raccogliere proposte e spunti da trasmettere all’amministrazione e così faremo anche per i prossimi importanti passaggi. Da queste serate è venuto fuori un buon bilancio, che continua a non gravare sulle spalle e sulle tasche dei cittadini sangimignanesi , nonostante l’alternarsi di governi nazionali che, anche allorquando sono guidati dal Pd, si impegnano a sistemare i conti pubblici nazionali gravando eccessivamente sugli enti locali, compreso quelli virtuosi”.

 

468 ad

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *