Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Scritto il 20 Dic 2014 su Comunicati Stampa, Coordinamento Territoriale, News | 0 commenti

Guicciardini: “La legge sulla biodiversità tutela il nostro patrimonio”

Guicciardini: “La legge sulla biodiversità tutela il nostro patrimonio”

“L’approvazione della legge per la tutela e la valorizzazione della biodiversità agraria e alimentare è un’ottima notizia. Il Partito democratico da sempre sostiene un percorso, anche normativo, che riconosca l’agricoltore e l’allevatore come figure centrali per difendere e sostenere il nostro patrimonio ambientale e agricolo. Un plauso e un grazie di cuore lo voglio rivolgere a Susanna Cenni, prima firmataria e ispiratrice della proposta di legge, che per anni si è battuta per ottenere questo risultato. L’approvazione unanime della Camera premia il suo impegno”. Con queste parole Niccolò Guicciardini, segretario provinciale del Pd senese, commenta l’approvazione della proposta di legge sulla biodiversità da parte della Camera dei Deputati avvenuta giovedì 18 dicembre.

“Il nostro territorio, – sottolinea Guicciardini – anche in virtù della sua lunga storia agraria e della sua ricchezza agroalimentare, è particolarmente sensibile alle tematiche legate alla biodiversità e alla valorizzazione delle colture. Per questo la proposta di legge presentata da Susanna Cenni acquista un valore ancora più importante per le terre di Siena. Ma, al di là di questo, il testo approvato dalla Camera rappresenta un grande passo in avanti per definire un quadro normativo che tuteli, a trecentosessanta gradi, la biodiversità agraria e alimentare. In piena globalizzazione, e alla vigilia dell’Expo Milano 2015 che sarà incentrato proprio su queste tematiche, la proposta di legge sulla biodiversità è un segnale importante che restituisce alla politica il suo ruolo positivo di impegno condiviso, di studio e di misure concrete messe in atto per il bene comune. Ora l’augurio è che il Senato approvi quanto prima il testo, in linea con quanto fatto dall’altro ramo del Parlamento”.

468 ad

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *