Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Scritto il 20 Feb 2014 su Comunicati Stampa, Dal territorio, News | 0 commenti

Pd Siena: “Uniti, con Matteo Renzi per sostenere un governo di svolta”

Pd Siena: “Uniti, con Matteo Renzi per sostenere un governo di svolta”

“Si è aperta una fase nuova che chiede a tutti un impegno unitario per sostenere un governo di svolta per portare l’Italia fuori dalla crisi economica e dall’emergenza sociale. In questo difficile passaggio non c’è bisogno di ‘strepiti mediatici’, di differenziazioni esasperate, e tantomeno di alimentare le divisioni nel partito, perché possono solo aggravare il disorientamento e la sfiducia. La rabbia di tanti elettori che hanno vissuto con indignazione la ferocia di una crisi consumatasi tutta all’interno del Pd, può divenire energia preziosa per il partito se si aprirà una discussione sul suo modo di essere. A partire da quanto vi sia di moderno e di europeo in un partito che viene identificato solo con la sua leadership ed in cui la contendibilità lo espone anche a rivolgimenti di tipo culturale”. E’ quanto affermano i democratici di Siena in un documento approvato dalla direzione comunale di martedì 18 febbraio, dai 29 membri presenti all’incontro, con tre astenuti e un contrario.

Da Renzi un programma ispirato a equità e giustizia sociale “Il programma del nuovo governo – si legge nel documento – dovrà ispirarsi a equità e giustizia sociale per puntare tutto su quelle riforme radicali che possano ridare slancio all’Italia e favorire la crescita con la nascita di nuove imprese e occasioni di lavoro. Il governo di Matteo Renzi può anche essere l’occasione, con il semestre di presidenza italiana della Unione Europea, per cambiare quelle politiche neoliberiste che hanno accentuato la recessione. Il senso dell’urgenza è molto alto perché ad alimentare la crescente insofferenza civile e sociale ci sono l’aumento della povertà, il peggioramento delle condizioni di vita degli italiani, l’imperdonabile ritardo con il quale la politica affronta le riforme cruciali per il paese, come la riforma elettorale e quella istituzionale. Le priorità lanciate da Renzi potrebbero essere quelle giuste, ma è proprio su lavoro, fisco, lotta alla burocrazia che si potrà valutare il segno che vorrà dare al suo governo. Il Pd, che è nato nel 2007 proprio per sbloccare la crisi italiana, è stato trascinato in un nuovo e difficile passaggio in cui coincidono il destino del paese, del partito e del suo leader. Oggi Ia fragile democrazia italiana corre molti rischi perché alle insidie di una destra populista che ha già fallito alla guida del paese, si aggiunge il rischio di una deriva ribellista ed antiparlamentare”.
L’elezione di Dario Parrini è un’opportunità per il partito “L’elezione unitaria del nuovo segretario del Pd della Toscana – continua il documento – può rappresentare un’opportunità per praticare una vera innovazione, ritrovare e rinnovare il radicamento territoriale del partito, dare credibilità e coerenza a quel forte rinnovamento che era invocato dal messaggio di Renzi alle primarie. Quella speranza che ha portato tanti elettori a votare e che oggi trova forti resistenze nei territori con gruppi dirigenti che si oppongono al cambiamento, che privilegiano la tattica all’elaborazione sui contenuti, la cooptazione su basi amicali alla selezione progettuale. È questo tipo di partito che va cambiato in profondità perché trasforma la ricchezza, irrinunciabile, della diversità delle culture politiche in ‘sclerosi correntizia’ e genera aggregati trasversali agli schieramenti congressuali che stanno insieme solo per la ricerca degli incarichi”.

468 ad

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *