Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Scritto il 22 Ago 2013 su News | 1 commento

Epifani: “Quella legge l’hanno votata tutti, dai democratici non ci saranno defezioni”

Epifani: “Quella legge l’hanno votata tutti, dai democratici non ci saranno defezioni”


Comunicato stampa n.30 del 22 agosto 2012
Il segretario Pd Guglielmo Epifani, dalla Festa democratica di Siena, non ha dubbi sulla tenuta del gruppo Pd al Senato
Epifani: “Quella legge l’hanno votata tutti, dai democratici non ci saranno defezioni”
“Non ho alcun dubbio sulla tenuta del gruppo Pd al Senato ed è anche logico che sia cosi, abbiamo votato una legge fatta per evitare di avere in Parlamento condannati per reati particolarmente gravi. Quella legge l’abbiamo votata tutti, compreso il Pdl. Se non osservassimo le leggi promosse e votate, che senso avrebbe avere un Parlamento? La legge Severino va applicata e i democratici la seguiranno alla lettera. La nostra posizione è lineare. Non è una battaglia contro Berlusconi, ma per affermare l’uguaglianza dei cittadini e il rispetto dello stato di diritto”. Lo ha detto ieri, mercoledì 21 agosto, il segretario del Pd Guglielmo Epifani a Siena per la Festa democratica provinciale, intervistato dal direttore de l’Unità Claudio Sardo. Al fianco di Epifani, il segretario provinciale del Pd senese Niccolò Guicciardini che ha aperto la serata, davanti ad alcune centinaia di persone, chiedendo al segretario di partire in tempi rapidissimi con i congressi locali “perché prima di votare un nuovo segretario questo partito ha bisogno di discutere e confrontarsi, a partire dalla base”.
Era da poco terminato il vertice a Palazzo Chigi tra Enrico Letta e Angelino Alfano quando il segretario Epifani ha preso la parola: “Il governo Letta deve andare avanti, ci sono scelte rilevanti da prendere, la cassa integrazione da rifinanziare, il problema degli esodati da risolvere, la questione dei 150 mila precari della scuola e delle pubbliche amministrazioni da sistemare, allentare il patto stabilità per i Comuni, dare una soluzione alla crisi del credito, perché alle famiglie e alle imprese serve liquidità. Vogliamo continuare a governare per dare a ognuno di questi problemi una risposta. La responsabilità di non darla noi non ce l’assumiamo. Non ci sarebbe nulla di peggiore. E’ così che rappresentiamo davvero gli interessi del Paese. Questa è e resterà la linea del Pd, nell’interesse di tutti contro l’interesse di qualcuno. Sarebbe davvero paradossale se si aprisse una crisi al buio in queste condizioni. Speriamo che nessuno voglia assumersi la responsabilità del tanto peggio tanto meglio”.
Più volte il segretario nazionale è tornato sulla necessità di andare avanti con un governo di servizio “perché ce lo chiede la gente”. La legge elettorale va cambiata “ma per cancellare il ‘Porcellum’ e fare una nuova legge elettorale occorre trovare una maggioranza che sia disposta a votarla e noi al Senato non siamo in grado di farla passare, serve raggiungere un accordo. Guardo con attenzione a cosa sceglierà di fare il Movimento 5 Stelle, al di là della difesa del proporzionale. Sarà il lavoro delle prossime settimane”. Incalzato da Sardo sul Congresso come occasione di rifondazione del partito, Epifani è tornato sulla necessità di una discussione sulla natura e la composizione degli organismi dirigenti. “Lo statuto vive troppo di singoli. Va riequilibrata la funzione del singolo con quella del collettivo o rischiamo di non avere uno statuto pienamente democratico. Manca un organismo intermedio tra segreteria e direzione nel quale ci si confronta e si decide guardandosi negli occhi. Viene da qui la proliferazione così sfrenata di correnti e questa è la fine di un partito plurale. Questi sono i problemi che il partito dovrebbe provare a sciogliere nel Congresso che, come ho detto, si farà entro la fine dell’anno”.

foto Epifani 1“Non ho alcun dubbio sulla tenuta del gruppo Pd al Senato ed è anche logico che sia cosi, abbiamo votato una legge fatta per evitare di avere in Parlamento condannati per reati particolarmente gravi. Quella legge l’abbiamo votata tutti, compreso il Pdl. Se non osservassimo le leggi promosse e votate, che senso avrebbe avere un Parlamento? La legge Severino va applicata e i democratici la seguiranno alla lettera. La nostra posizione è lineare. Non è una battaglia contro Berlusconi, ma per affermare l’uguaglianza dei cittadini e il rispetto dello stato di diritto”. Lo ha detto ieri, mercoledì 21 agosto, il segretario del Pd Guglielmo Epifani a Siena per la Festa democratica provinciale, intervistato dal direttore de l’Unità Claudio Sardo. Al fianco di Epifani, il segretario provinciale del Pd senese Niccolò Guicciardini che ha aperto la serata, davanti ad alcune centinaia di persone, chiedendo al segretario di partire in tempi rapidissimi con i congressi locali “perché prima di votare un nuovo segretario questo partito ha bisogno di discutere e confrontarsi, a partire dalla base”.


Era da poco terminato il vertice a Palazzo Chigi tra Enrico Letta e Angelino Alfano quando il segretario Epifani ha preso la parola: “Il governo Letta deve andare avanti, ci sono scelte rilevanti da prendere, la cassa integrazione da rifinanziare, il problema degli esodati da risolvere, la questione dei 150 mila precari della scuola e delle pubbliche amministrazioni da sistemare, allentare il patto stabilità per i Comuni, dare una soluzione alla crisi del credito, perché alle famiglie e alle imprese serve liquidità. Vogliamo continuare a governare per dare a ognuno di questi problemi una risposta. La responsabilità di non darla noi non ce l’assumiamo. Non ci sarebbe nulla di peggiore. E’ così che rappresentiamo davvero gli interessi del Paese. Questa è e resterà la linea del Pd, nell’interesse di tutti contro l’interesse di qualcuno. Sarebbe davvero paradossale se si aprisse una crisi al buio in queste condizioni. Speriamo che nessuno voglia assumersi la responsabilità del tanto peggio tanto meglio”.


Più volte il segretario nazionale è tornato sulla necessità di andare avanti con un governo di servizio “perché ce lo chiede la gente”. La legge elettorale va cambiata “ma per cancellare il ‘Porcellum’ e fare una nuova legge elettorale occorre trovare una maggioranza che sia disposta a votarla e noi al Senato non siamo in grado di farla passare, serve raggiungere un accordo. Guardo con attenzione a cosa sceglierà di fare il Movimento 5 Stelle, al di là della difesa del proporzionale. Sarà il lavoro delle prossime settimane”. Incalzato da Sardo sul Congresso come occasione di rifondazione del partito, Epifani è tornato sulla necessità di una discussione sulla natura e la composizione degli organismi dirigenti. “Lo statuto vive troppo di singoli. Va riequilibrata la funzione del singolo con quella del collettivo o rischiamo di non avere uno statuto pienamente democratico. Manca un organismo intermedio tra segreteria e direzione nel quale ci si confronta e si decide guardandosi negli occhi. Viene da qui la proliferazione così sfrenata di correnti e questa è la fine di un partito plurale. Questi sono i problemi che il partito dovrebbe provare a sciogliere nel Congresso che, come ho detto, si farà entro la fine dell’anno”.


468 ad

1 Commento

  1. Dopo il disastro organizzativo della serata con il segretario nazionale del Pd, non si è mai vista una cosa peggio organizzata, per il bene di questo partito, il responsabile della festa e/o dell’iniziativa non può far altro che dimettersi, chiedere scusa ad iscritti ed elettori.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *