Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Scritto il 5 Mag 2011 su News | 0 commenti

Chiti: “C’è un cuore che batte. E’ il centro storico della città”

Chiti: “C’è un cuore che batte. E’ il centro storico della città”

david-chitiNon c’è niente di retorico nell’affermare che il mondo intero guarda a Siena come a una perla del passato che sa conservare tutta la sua preziosità pur riuscendo, da sempre, ad evolversi con i tempi. Il Palio è l’esempio palese di un qualcosa che si rinnova e sa cambiare e vivere pur mantenendo i suoi caratteri principali e il Palio non è altro che la massima espressione del microcosmo senese e contradaiolo.

Credo che la nostra forza sia proprio questa e non, come in tanti vorrebbero disegnare la città, una mera volontà di ricalcare il passato attraverso una manifestazione. Ora, se questa è l’essenza della senesità, è lo è, credo che da qui si debba ricominciare a guardare avanti. C’è un cuore che batte, che ha voglia di continuare, ed è il centro storico della città. Lo stesso che da anni, attraverso l’Associazione NOI, promuovo attraverso iniziative del tutto trasversali ma sempre molto apprezzate a livello cittadino. Sono senese e forse per questo so cogliere le necessità dei senesi, gli stessi che ogni giorno per strada mi chiedono se sia possibile rivedere Siena viva e vivace, fruibile e sicura. Credo che questo sia il momento per poter affermare i tratti dell’attività e del pensiero nato da senesi all’interno dell’Associazione NOI nell’ambito dell’Amministrazione comunale che verrà. E’ quello che voglio, è ciò che ho promesso se gli elettori mi daranno l’occasione di confrontarmi con gli altri consiglieri comunali perché prima di tutto ho a cuore il benessere di Siena, dove sono nato e dei senesi, con cui sono cresciuto.

Poche proposte, chiare, fondate su un approccio pragmatico ai problemi della gente comune. Dall’ammodernamento dell’illuminazione pubblica nel centro storico, all’eventuale videosorveglianza, per questioni di sicurezza fino all’organizzazione di eventi e manifestazioni ma anche alla revisione degli orari di chiusura dei locali in modo da permettere la vita nella città anche nel dopocena ma prestando sempre attenzione alla tranquillità dei residenti. Al tempo stesso, un progetto di distribuzione omogenea dei locali notturni al momento concentrati nella zona di Pantaneto. Tutto questo per ripopolare il centro storico. Ma per farlo tornare vivo, si deve permettere l’accesso alla città durante l’arco della giornata anche a tutela delle imprese che altrimenti sono destinate a morire. Intendo dire che prima di tutto va rivisto il sistema Aru che sta davvero allontanando i senesi dalla propria città.


David Chiti, candidato del Pd di Siena al consiglio comunale

468 ad

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *