Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Scritto il 29 Apr 2011 su News | 0 commenti

Ceccuzzi: “Bene la Fondazione sulla riduzione di indennità. Ora avanti gli altri”

“La riduzione degli emolumenti per gli amministratori e dei premi per i dirigenti annunciata dal presidente della Fondazione Mps, Gabriello Mancini è una notizia positiva che accogliamo con soddisfazione”. Con queste parole Franco Ceccuzzi, candidato a sindaco di Siena per il Centrosinistra, interviene in merito alle dichiarazioni di Gabriello Mancini sulla necessità di avviare una politica di rigore, a cominciare dalla Fondazione Mps stessa.

“La scelta della Fondazione – prosegue Ceccuzzi – va nella direzione indicata anche nel nostro programma e, in particolare, nella parte dedicata alla Carta della buona politica e della partecipazione. La Carta, infatti, agli articoli 11, 12, 13 e 14, specifica quali debbano essere i principi ispiratori per chi decida di mettersi al servizio della comunità. Se sarò eletto sindaco, creeremo un’anagrafe patrimoniale degli eletti in consiglio comunale, degli assessori della giunta e dei nominati da parte del Comune in enti, fondazioni e società partecipate, che verrà resa nota con apposita comunicazione istituzionale e aggiornata ogni anno. L’impegno del Comune, poi, in merito agli indirizzi di nomina dovrà  garantire che le doppia nomine rappresentino un’eccezione. Laddove si verificasse questa eventualità, comunque, il soggetto nominato in due enti si impegna a non cumulare gli eventuali compensi derivanti dalle due nomine, sottoscrivendo un atto formale di rinuncia ad uno dei due compensi”.

“Sempre nell’ottica della trasparenza e delle procedure di designazione – continua Ceccuzzi –  delle nomine comunali, l’impegno per il futuro dovrà essere quello di rendere pubblica l’attività dei processi di nomina, delle attività previste e degli eventuali emolumenti corrisposti, nonché dell’ammontare dei gettoni di presenza. Auspico, inoltre, che gli statuti delle società partecipate, oltre alla piena applicazione delle norme di legge,  rendano esplicite le modalità che impediscano il cumulo di più indennità. La scelta di Gabriello Mancini – conclude Ceccuzzi – è un ulteriore passo in avanti che va nella direzione della responsabilità e del bene comune. Valori di cui il futuro sindaco della città dovrà farsi promotore anche verso gli altri enti e istituzioni cittadine, affinché questi principi vengano adottati uniformemente, per mantenere sempre aperto e trasparente il dialogo tra le istituzioni e i cittadini”.

468 ad

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *