Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Scritto il 23 Apr 2011 su News | 0 commenti

Perugini (Pd): “Ecco le verità che fanno male al duo Vigni & Corradi”

“La verità ti fa male…. Lo so”. Caterina Caselli cantava così, nel 1966,  a Sanremo. Una canzone che mi è tornata prepotentemente alla memoria in questi giorni, dopo le “alzate di scudi” dei vari Rotondo, Buscalferri, Tanzarella, Milani in difesa della ditta “Vigni & Corradi”, pizzicati “con le mani nel sacco” in fase di inciucio dal nostro segretario Alessandro Mugnaioli. Da destra a sinistra, fino al centro tutti si sono “sperticati” a ribadire la falsità delle affermazioni di Mugnaioli, senza però entrare mai nel merito delle questioni e soprattutto dei temi che riguardano il futuro della città. 

Nel suo intervento Mugnaioli ribadiva come i programmi di Vigni & Corradi, manchino di una visione e di risposte concrete ai problemi dei senesi. Una dichiarazione confutata dai fatti e soprattutto dalla povertà e dalla genericità dei programmi depositati da Vigni & Corradi: la prima dedica “ben” 14 pagine al futuro di Siena, il secondo è stato addirittura più sintetico limitandosi a scrivere undici pagine. Programmi “fotocopia” che condividono proposte superate e che dimostrano solo di essere stati orchestrati dalla solita “mente” che da dieci anni insegue solo il potere e le sue mire personali. 

L’altro aspetto sottolineato da Mugnaioli nel dire “chi vota Vigni e Corradi vota Piccini” riguarda il ritorno delle “solite vecchie facce”, contenute nelle liste a sostegni dei due candidati e tutte accomunate dalla vicinanza con Pierluigi Piccini. Anche qui “carta canta”. Basta guardare la composizione della lista Vigni. Oltre ad Alessandro Vigni, fratello della candidata ed ex assessore di Piccini e Ezio Rotondo, anche lui ex assessore di Piccini e promotore cinque anni fa di una lista civica a sostegno dell’ex sindaco c’è anche una nutrita rappresentanza della lobby sanitaria del “passato” con Antonella Buscalferri, Maiorano e Lorenzo Garibaldi. Quest’ultimo già assessore alla Sanità del Comune di Siena, dopo cinque anni si è “improvvisamente” accorto in campagna elettorale dei problemi del Policlinico, arrivando anche a manifestare la sua contrarietà rispetto alla mobilitazione promossa dal Pd per chiedere l’attivazione della robotica. Una contrarietà che sembra dimostrare la volontà dell’assessore alla sanità di indebolire e non rafforzare il nostro Ospedale.

Infine Martelli. A cosa si deve il suo “ritorno” in politica e la sua “discesa in campo” a Siena? Sicuramente non all’amore o a un legame con la nostra città, per altro mai avuto. Sono d’accordo con Mugnaioli quando afferma che la presenza di Martelli nella nostra città è solo frutto dell’interesse di soggetti politici ed economici di carattere nazionale che aspirerebbero a far diventare Piccini presidente della Fondazione Mps. I fatti sono i fatti e gli interventi di Rotondo, Buscalferri, Tanzarella e Milani contro Mugnaioli dimostrano a tutti gli effetti, quanto sia vero l’assioma che votare Vigni&Corradi voglia dire votare Piccini, facendomi risuonare in testa quel motivetto della Caselli che potrebbero intonare i personaggi in questione e che diceva “La verità ti fa male…. Lo so”. 

Massimiliano Perugini, candidato del Pd di Siena al consiglio comunale

468 ad

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *