Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Scritto il 8 Feb 2011 su News | 1 commento

Elisa Meloni aderisce alla manifestazione “Se non ora, quando?”

Elisa Meloni aderisce alla manifestazione “Se non ora, quando?”

senonora-disegnomini“Se non ora quando?”. Una domanda che è il grido di rivendicazione del mondo femminile per dire che è il momento di urlare a tutto il Paese che dignità e rispetto sono due valori non negoziabili. Ci sarò anch’io domenica 13 febbraio alle ore 15.30 in Piazza Salimbeni, a Siena, alla manifestazione nazionale in difesa della dignità di ogni donna. Tanti cittadini e tante cittadine, associazioni, gruppi più o meno organizzati si stanno facendo sentire sul web, sui giornali, nelle case, nelle strade e nelle piazze italiane, esibendo il vessillo bianco, simbolo della mobilitazione, per far sentire con una sola voce, le tante voci che arrivano dal mondo femminile. Un mondo che non vuole piegarsi alla rappresentazione mediatica quotidiana, che riduce le donne a “corpo – oggetto”. Un caso, quello della sfruttamento televisivo del corpo, peculiare della realtà italiana. Il problema, purtroppo, non è solo quello della rappresentazione delle donne nei media, ma riguarda, più in generale, un modello culturale che va diffondendosi nel nostro Paese, proponendo alle giovani generazioni di raggiungere facili guadagni “svendendosi” al potente di turno, barattando la propria dignità per denaro, o ancora peggio, ruoli pubblici. Una mentalità che non può passare come normale, poiché rischia di inquinare l’immagine e la coscienza di un Paese che si definisce civile e che poggia su una Costituzione avanzata, anche se non interamente attuata. Ed è compito della politica e dei partiti battersi per realizzare pienamente quei valori e principi, anziché demolirli. Per questo oggi, non è possibile tacere di fronte a chi, portando avanti comportamenti lesivi della dignità delle donne e delle istituzioni, rischia di compromettere conquiste ottenute in tanti anni di battaglie sociali. Vogliamo rivendicare diritti e non dividere le donne in buone e cattive. Per questo domenica 13 febbraio dovremo essere in tante anche a Siena, come in ogni città italiana, per dire che difendere la dignità delle donne significa difendere la dignità di tutta Italia e battersi per un futuro migliore. Per tutte.

Elisa Meloni, segretario provinciale del Pd di Siena

468 ad

1 Commento

  1. La donna, le donne: voci di un’Italia dignitosa e laboriosa

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *