Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Scritto il 7 Dic 2010 su News | 0 commenti

Ceccuzzi: “Siena sarà città europea anche per la mobilità”

Rilanciare il progetto dello Schema metropolitano di area senese per gestire la programmazione urbanistica e la mobilità, dare priorità alla realizzazione dei parcheggi scambiatori previsti dal regolamento urbanistico – ricercando anche ulteriori soluzioni con i comuni limitrofi – tutelare e rafforzare la zona a traffico limitato – da coniugare con la vivibilità e l’accessibilità del centro storico, per la residenza e le attività economiche – investire sulla mobilità sostenibile. Sono queste alcune delle linee per il futuro, indicate da Franco Ceccuzzi, candidato a sindaco di Siena del Pd, nel corso dell’incontro organizzato dal Forum del Pd sulla vivibilità e la sicurezza urbana, dedicato al tema “sosta e mobilità”, svoltosi ieri, lunedì 6 dicembre, presso il Palazzo Patrizi, a Siena.

“Viabilità, mobilità e sosta – ha detto Alessandro Orlandini, coordinatore del Forum – sono temi molto sentiti dai senesi, anche perché, nonostante i molti interventi realizzati nel corso degli anni, alcuni problemi sono rimasti aperti. Noi crediamo che una soluzione possa essere trovata incentivando una mobilità ‘intermodale’, che coniughi l’uso del mezzo privato con quello pubblico, la pedonalità con l’impiego delle ferrovie e la realizzazione di nuove strade nei punti nevralgici della città. Sul fronte della sosta, invece, il regolamento urbanistico propone un’idea convincente, con la realizzazione di parcheggi in struttura e all’aperto, collegati con la città attraverso il trasporto pubblico locale. Un altro tema centrale, oltre a quello delle tariffe, riguarda la zona a traffico limitato, che rispetto agli anni Sessanta, va ampliata e rafforzata, così come le aree di residenza urbana”.

Investire sulla mobilità sostenibile “Uno dei tratti identitari della nostra città – ha sottolineato Ceccuzzi – che ci pone al vertice delle classifiche per la qualità della vita, è quello della mobilità sostenibile, sulla quale dovremo continuare ad investire. Il percorso verso Siena 2019, infatti, va tracciato anche nel solco di questa eccellenza cittadina legata alla promozione del diritto alla mobilità efficiente e sostenibile. A questo proposito dovremo valutare l’ apertura di un tavolo permanente intorno al quale discutere del tema della mobilità dolce lavorando sulla pedonalizzazione e sulla realizzazione di piste ciclabili almeno nelle aree più pianeggianti o con minori pendenze, anche per realizzare l’obiettivo più generale di aumentare le aree verdi a disposizione dei cittadini”.

Rilanciare lo Smas e individuare i parcheggi scambiatori anche fuori dei confini di Siena.“Occorre – ha aggiunto Ceccuzzi – riprendere in mano la questione dello Smas per ragionare, insieme ai comuni limitrofi al capoluogo, delle politiche legate alla mobilità, alla sosta, alla gestione del trasporto pubblico locale, alle grandi infrastrutture e alla pianificazione territoriale. Il regolamento urbanistico del Comune di Siena prevede nuovi parcheggi scambiatori a raso che saranno operativi se questo strumento sarà approvato, passaggio fondamentale per affrontare le questioni più urgenti legate alla sosta e alla mobilità e investire su una mobilità sostenibile”.

468 ad

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *